image_pdfimage_print
Fonte: https://cadeifrati.it/

Il forte legame dell’azienda Cà dei Frati con il territorio di Sirmione e del vino Lugana è dimostrato a partire dal nome stesso dell’azienda: un tempo infatti tutta la zona di Lugana di Sirmione, dove ora sorgono bellissimi vigneti, era conosciuta come “luogo dei frati” perché di proprietà della curia vescovile. Questa azienda sembra essere nota già dal lontano 1782 come attesta un documento che riferisce “di una casa con cantina sita in Lugana nel tener di Sermion detta il luogo dei Frati”.

Cà dei Frati nasce dalla passione della famiglia Dal Cero, capace da sempre di coniugare al meglio competenza e amore per il territorio. Il capostipite fu Felice dal Cero che, intuendo l’alta vocazione vitivinicola del territorio, acquistò nel 1939 diversi terreni a Lugana di Sirmione adibendoli a vigneto. Dopo trent’anni di lavoro il figlio Pietro dal Cero imbottigliava il primo Lugana, un vino che farà la fortuna della famiglia Dal Cero. Nel corso degli anni, coronati da grandi successi, la famiglia Dal Cero ha poi allargato la sua produzione.

Noi di Via Gallica abbiamo assaggiato il loro noto Lugana DOC ed il Riviera del Garda Classico Chiaretto DOC.

Come detto in precedenza il Lugana rappresenta il simbolo della cantina ed assaggiandolo se ne capiscono i motivi: un vino fresco, lineare ed elegante, al naso si percepiscono subito aromi floreali di fiori bianchi e fruttati di mela, agrumi e frutta candita, con un soffio minerale. Al palato è fresco, diretto e fine, accompagnato da una piacevole nota sapida.

Il vitigno è l’autoctono Turbiana, allevato su terreni calcarei e argillosi, l’affinamento è in acciaio sui lieviti fini per almeno sei mesi, con un ulteriore affinamento in bottiglia per altri due.

Lo abbiamo degustato d’annata con un secondo piatto di pesce e verdure e il risultato ci è piaciuto molto. Ottimo rapporto qualità prezzo.

Per maggiori informazioni sulla DOC Lugana vi consigliamo l’articolo: https://www.viagallica.it/index.php/2020/04/13/lugana-doc/

ed il disciplinare: https://www.viagallica.it/index.php/2020/04/24/disciplinare-lugana/

Il Riviera del Garda Classico Rosa dei Frati si dimostra subito essere un vino equilibrato, delicato e gentile ma anche incisivo. Al naso si evidenziano sentori di fiori di biancospino e di rosa, di mela verde, mandorla e ciliegia. In bocca è gustoso, fresco e sapido e con una nota finale persistente di frutti rossi.

Prodotto dall’uvaggio di uve Groppello, Marzemino, Sangiovese, Barbera allevate su un terreno calcareo, argilloso, limoso e sabbioso, viene affinato in acciaio sui lieviti fini per 6 mesi, seguiti da 2 mesi in bottiglia

Lo abbiamo ritenuto ottimo con un aperitivo a base di salumi e crostini con formaggio morbido, particolarmente consigliato per questo periodo estivo.

Per gli altri vini di questa azienda: https://cadeifrati.it/i-vini/

Buon assaggio!

Print Friendly, PDF & Email

Autore dell'articolo

Giulia Bernardone
Giulia Bernardone on

Collaboratrice di Via Gallica.
Amante dell'enogastronomia e della cultura in ogni sua forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *